Sa Tumballa, la Regina dei Dolci Sardi al cucchiaio

In: Ricette tipiche sarde Su: venerdì, marzo 30, 2018

Finalmente la ricetta originale della Tumballa di Benetutti 

Oggi vi spieghiamo come preparare Sa Tumballa, regina incontrastata dei dolci Pasquali al cucchiaio in Sardegna, che vanta origini Spagnole e la cui consistenza si avvicina al più moderno Budino. Nulla a che vedere però con i preparati pronti da supermercato poiché le donne Sarde amano dilettarsi con la preparazione di questo dolce trasmettendo la ricetta di generazione in generazione e usando ingredienti  freschi di facile reperibilità.

La versione originale del dolce presenta un retrogusto leggermente amarognolo dovuto al caffè, anche se  con il passare del tempo sono nate diverse varianti che prevedono l’aggiunta di scaglie di cioccolato, vanillina o amaretti sbriciolati.

Tuttavia, qui ci vogliamo attenere alla ricetta tradizionale che veniva e viene tuttora preparata a Benetutti, lasciando al Vostro gusto l’eventuale personalizzazione del dessert.

Quando abbiamo chiesto a Tia Peppina di svelarci i segreti della Tumballa, siamo stati subito redarguiti con  gli avvertimenti di usare sempre uova intere, perché “po sa tumballa sos ooso cherent interos” e di procurarci un apposito recipiente in alluminio per la cottura (prima presente in tutte le case).  

In mancanza di questo, potete ricavare il caratteristico buco al centro del dolce usando un bicchiere rovesciato al centro del recipiente che accoglierà il composto (va bene anche una semplice pirofila).

Ingredienti

-          1 litro di latte di pecora intero o parzialmente scremato

-          la scorza di 1 limone

-          8 Uova

-          1 tazzina di caffè

-          1 tazzina di cognac

-          8 cucchiai di Zucchero (un cucchiaio per ogni uovo utilizzato)

 

Procedimento

Mettete a bollire il latte di pecora con la scorza di limone facendolo raffinare per 5 minuti.

 In un distinto contenitore, sbattete bene le uova  con lo zucchero, aggiungete il caffè e unite piano piano il latte tiepido aromatizzato al limone (avendo precedentemente tolto la scorza del limone). Infine, versate la tazzina di cognac.

Prima di versare il composto nello stampo e coprire, usate un colino per filtrarlo e ottenere una  consistenza finale più uniforme.

Nel frattempo, preparate il caramello, facendo sciogliere in un pentolino  lo zucchero con un pochino di acqua, avendo cura di mescolare con un cucchiaio di legno senza farlo bruciare. Il caramello sarà pronto quando sarà leggermente dorato.  

Lavate il contenitore di alluminio che accoglierà il composto con acqua tiepida, scolando  l’acqua in eccesso senza asciugarlo. Versate nella base il caramello e successivamente il composto di latte e uova.

Ponete lo stampo di alluminio in forno, cuocendolo a bagnomaria per circa 35 minuti a 160 gradi.

Tuttavia, se preferite potrete cuocere il composto anche facendo a meno del forno, ponendo lo stampo dentro  un recipiente pieno di acqua sufficientemente largo, coprendo il tutto con un coperchio o un panno che eviti la dispersione del calore facilitando l’addensamento del prodotto.

Cuocete a bagno-maria per almeno 35 minuti a fiamma moderata e costante. Tastate la consistenza del budino con uno stuzzicadenti e concedete ancora qualche minuto di ulteriore di cottura se lo stesso non risulterà completamente asciutto. Raggiunta la consistenza desiderata, togliete la Tumballa dall’acqua e fatela  la raffreddare portandola a temperatura ambiente.

Infine,  ribaltatela su un piatto piano trasferendola in frigo per 3-4 ore e togliendola dallo stesso un quarto d’ora prima di servirla in tavola.

Decorate a Vostro piacere e Buon Appetito :D

Newsletter

Tellus aodio consequat seo.